LIBANO: Nashrallah pentito, non prevedevamo la reazione d’Israele

Nashrallah durante l'intervista TV

Il leader di Hezbollah, lo sceicco Hassan Nasrallah, ha espresso rammarico per aver innescato il conflitto con Israele e le devastazioni in Libano con il sequestro di tre militari dello Stato ebraico da parte dei suoi miliziani. “Avessimo saputo che la cattura dei soldati avrebbe portato a questo, l’avremmo sicuramente evitata”, ha dichiarato in un’intervista trasmessa dalla tv libanese. Nasrallah ha affermato che sono in corso contatti per la liberazione dei soldati e ha sostenuto che l’Italia starebbe cercando di ritagliarsi un ruolo nei negoziati per arrivare a uno scambio di prigionieri tra Israele e il Partito di Dio. “Di recente sono iniziati contatti per trattative”, ha dichiarato alla tv privata Ntv, “sembra che l’Italia stia cercando di entrare nella questione. Le Nazioni Unite sono interessate e le trattative avverrebbero attraverso (il presidente del parlamento Nabih) Berri”, ha affermato. Ma la Farnesina ha smentito che l’Italia stia tentando una mediazione. Dal numero uno dei miliziani sciiti e’ venuta anche l’assicurazione che i suoi uomini non attaccheranno la missione Unifil nel sud del Libano, purche’ non tenti di disarmarli. “Non abbiamo problemi con Unifil purche’ non tenti di disarmare Hezbollah”, ha spiegato alla vigilia della visita a Beirut del segretario generale dell’Onu, Kofi Annan. Diverso il discorso per i militari libanesi: “Se l’esercito libanese trova qualcuno armato, ha il diritto di confiscargli le armi”, ha affermato Nasrallah. da La Repubblica 

ORBENE, Alcune puntualizzazioni sono assolutamente necessarie:

1 – ma cosa significa dichiarare che se sapeva che gli israeliani avrebbero reagito non avrebbe rapito i militari?  E tutti i missili sparati su Israele, ma cosa stava facendo, cos’era per lui sparare contro Israele, entrare nel suo territorio uccidere e rapire dei soldati israeliani? Forse un gioco? 

2 – se non si immaginava tale reazione, quando l’ha vista da vicino, come mai non ha restituito i soldati con tanto di scuse? 

3 – e perché non li rimanda a casa adesso? 

4 – Ora qualcuno dica pure che sono maligna, ma quello che dichiara sui soldati dell’UNIFIL, ha tutto l’aspetto della minaccia. Sono costretta a pensare che i soldati dell’ONU in questi anni, pur se erano di stanza in Libano, per evitare ritorsioni hanno voltato la faccia dall’altra parte e gli hizbollah non solo sonorimasti armati, si sono fatti un arsenale da far invidia all’Iraq ai tempi di Saddam. 

5 – I pacivendoli nostrani, smettano di sognare e comprendano bene che i nostri ragazzi  in Libano vanno per partecipare a una guerra, senza se e senza ma.

E tanto per gradire le menzogne di Nasrallah si sprecano, se ne volete leggerne un po’ date un’occhiata a quest’articolo del Corriere della Sera, ove il capo delle milizie terroristiche ne spara di molto grosse.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: