UCCIDE MOGLIE E 4 FIGLIE: GLI FACEVANO SCHIFO

UCCIDE MOGLIE E 4 FIGLIE: GLI FACEVANO SCHIFO, PERCHE’ TROPPO OCCIDENTALIZZATE, AVEVANO LA GRANDE COLPA DI VOLER STUDIARE  E DI LAVORARE.
 Mohammed Driaz il marito assassino Questa notizia la trovate pubblicata in originale sul Telegraph.co.uk  
e credo non siano necessari molti commenti per ribadire che bisogna assolutamente arginare l’invasione islamica in occidente, non tanto relativamente alle persone che decidono di venire a vivere qui, quanto alle loro pretese di imposizione di modi di vivere, che trovano sempre il modo di giustificare con la religione islamica.
Mohammed Riaz, pakistano di 49 anni,
dopo aver chiuso in casa la moglie (anglopakistana) e le sue quattro figlie, da fuoco alla casa, e probabilmente per essere ricorso all’uso di troppo materiale incendiario, resta lui stesso coinvolto e prigioniero nel rogo.

Si salva solo il figlio, che era ricoverato in ospedale per un cancro terminale, che morirà da solo, alcune settimane dopo.

I vicini e i vigili del fuoco riferiscono che l’incendio è avvenuto attraverso tremende vampate consecutive, che si sono succedute molto velocemente, come se tutta la casa fosse stata disseminata di materiale incendiario.
Il suo problema, così come riferiscono i vicini e i conoscenti poteva essere dipeso dal fatto che il Riaz ritenesse moglie e figlie troppo emancipate e trovasse ripugnante il fatto che la figlia volesse diplomarsi o potesse rifiutare i matrimoni combinati.

Il Riaz, era stato occupato per 17 anni alla frontiera nord verso l’Afghanistan (*)

e il matrimonio gli era stato combinato e organizzato dal padre, con una donna anglo-pakistana in seconde nozze.
Lei Caneze Riaz, aveva una carriera come capo della Comunità di Accrington, mentre lui Mohammed Riaz, privo di cultura e di conoscenza dell’inglese si è dovuto accontentare di lavori umili. Probabilmente troppo per il suo smisurato orgoglio di musulmano superiore.  

Le conseguenze a questo miscuglio di situazioni generate dall’ignoranza e da usanze barbariche è stato devastante, infatti ci si domanda come può funzionare un matrimonio già difficile quando esiste l’amore, se è combinato fra persone adulte, abituate ciascuna ad altro tipo di esistenza che si trovano a confrontarsi e a doversi adattare alle circostanze e di solito è la donna e i figli quelli che pagano queste usanze che trovano la loro giustificazione nella religione islamica, che pone l’uomo sopra la donna e lo rende padrone dei componenti la sua famiglia.
Lui ora si trova piantonato in ospedale in quanto la polizia vuole comprendere, così come sospetta, se al momento dell’incendio le donne erano già state assassinate dal Riaz, perché la devastazione prodotta dalle fiamme è stata tale da rendere difficile arrivare a questa certezza, che però l’investigatore ritiene sia più di una possibilità.

(*) Considerando cosa è successo appunto al confine del Pakistan in questi ultimi 20 anni, viene logico domandarsi se questo signore non sia stato uno dei tanti talebani tornati all’ovile dopo la guerra contro di essi e visto il grado di cultura non è difficile immaginarlo, anche perché le madrasse pakistane che hanno preparato e generato i talebani, hanno il dono di offrire come cultura ai loro allievi solo l’apprendimento coranico, meglio se a memoria o peggio ancora a pappagallo. Non è nemmeno da eslcudere che sia stato uno dei tanti trafficanti del fiume di droga che dall’Afghanistan attraverso la frontiera pakistana si irradia verso l’odiato occidente.
Adriana Bolchini Gaigher
presidente nazionale
O.D.D.I.I.

Una Risposta

  1. […] Braga, glissando su Giuliani, tu tratteresti con umanit anche gente come: UCCIDE MOGLIE E 4 FIGLIE: GLI FACEVANO SCHIFO Lisistrata weblog "Usstan orn ja’hai naubol jhal […]

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: